MOVIMENTO CINQUE STELLE

Loading...

venerdì 27 dicembre 2013

video
INFINITI AUGURI CHE POSSONO SEMBRARE SCONTATI MA CHE, IN QUESTO MOMENTO STORICO, SONO QUANTO MAI AUSPICABILI E INDICATI...
video
INFINITI AUGURI CHE POSSONO SEMBRARE SCONTATI MA CHE, IN QUESTO MOMENTO STORICO, SONO QUANTO MAI AUSPICABILI E INDICATI...

sabato 16 novembre 2013

mercoledì 13 novembre 2013

<a href="http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento" target="_blank" ><img src="http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/banner_m5s_230.png"  width="210" height="auto" border="0" title="Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video"/></a>

mercoledì 6 novembre 2013

Terra dei fuochi: cosa succede dopo la mozione del MoVimento 5 Stelle?

http://www.youtube.com/v/tlftmBO_oes?autohide=1&version=3&autohide=1&attribution_tag=HJvUAouvDT9mYfKyCj0_EQ&showinfo=1&autoplay=1&feature=share

sabato 2 novembre 2013

TG #5giornia5stelle/16 - #palesea5stelle - 01/11/2013

http://www.youtube.com/v/iNbRlFHw_AM?version=3&autohide=1&showinfo=1&autohide=1&autoplay=1&feature=share&attribution_tag=nQ4pQjkUaQ89tB6WIjXtUw

giovedì 31 ottobre 2013

Vittoria a 5 Stelle: sarà VOTO PALESE!

http://www.youtube.com/v/0cag34ulDCU?autohide=1&version=3&attribution_tag=3eC-NzM8QyoUwp4FR1GB4Q&feature=share&autoplay=1&autohide=1&showinfo=1

venerdì 11 ottobre 2013

Articolo 15 La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili. La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell'Autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

giovedì 3 ottobre 2013

lunedì 23 settembre 2013

Ho conosciuto Renzi e vi racconto come è andata. Mi invita a pranzo l’Ambasciatore dell’Ungheria per parlare degli scenari europei. Finito di mangiare esco dal ristorante e incontro Diego Bianchi, in arte Zoro. Lo conosco (è un bravo ragazz...o anche se vota PD), vado a salutarlo e vedo, con la coda dell’occhio il Sindaco di Firenze. Zoro mi fa “Di Battì guarda chi ce sta” io, prima ancora di voltarmi vengo intercettato dal Renzi che mi dice: “ciao Alessandro, piacere sono Matteo, ti seguo, sei forte, al di là delle differenze politiche si vede che sei in gamba, possiamo fare delle cose assieme etc etc”. Poi continua: “ti presento Walter”, mi giro ed era Veltroni (ma come non si odiavano? Ricordo Veltroni che lo criticava e Renzi che gli rispondeva “è meglio come romanziere”, ora vanno a braccetto al Pantheon!). Gli stringo cordialmente la mano e gli domando: “Walter, voi del PD sarete compatti sulla decadenza di B.”. Lui, molto onestamente mi risponde: “sai che per il PD essere compatti è sempre complicato”. Il Renzi si intrufola nuovamente e domanda: “e voi Alessandro sarete compatti?”. "Guarda Matteo", faccio io, "compattissimi nel mandarvi a casa a cominciare da te"! Lui scoppia in una grassa risata (io non stavo mica scherzando) e va via continuando a dire: “ciao, ciao, piacere, sei forte”. Si muoveva tipo Gianni Morandi. Io domando a Zoro se il Sindaco è sempre così ruffiano e lui mi risponde: "sì, è Renzi, che non lo conosci?". Ho riflettuto su questo incontro e ho deciso di raccontarvelo perché è un ottimo esempio del funzionamento del palazzo. I politici di professione si muovono in due modi: o con il ricatto incrociato (ricordate l’affaire Marrazzo, B. che riceve i nastri e non denuncia, al contrario chiama Marrazzo e lo rassicura) o con la ruffianeria reciproca! I modi del Renzi (oltre a mostrare una certa dose di buona educazione che gli va riconosciuta) mostrano con chiarezza il suo pensiero. Lui si sarà detto: “dato che il M5S prenderà un sacco di voti alle prossime elezioni meglio tenermeli buoni, io attacco Grillo mica i deputati, non si sa mai”. Vedete questo atteggiamento è fondamentalmente una cessazione quotidiana di libertà. L’essere ruffiani è una lenta ma inesorabile castrazione dei propri ideali. Noi, lo ripeto ancora una volta, non siamo perfetti e sbagliamo (però chiedo ai detrattori di indicarci una legge che abbiamo presentato o un emendamento che ritengono sbagliato, parlano solo di Gaia, dell’accordo con il PD o di Beppe che ci tiene come marionette) ma siamo LIBERI! Non abbiamo ambizioni politiche, due mandati e poi a casa. Non abbiamo nulla da perdere, non ci interessa tenerci buoni i Renzi, i Veltroni, i Napolitano. Se ci fossero interessate le poltrone, credetemi, le avremmo ottenute (ottenere poltrone non significa incidere, è l'esatto contrario). Ma noi non vogliamo poltrone, vogliamo cambiare un sistema che sta uccidendo i cittadini onesti. Per farlo occorre alzare il deretano e PARTECIPARE. Siamo una rivoluzione di processo, stiamo provando con tutte le nostre forze a svegliare i cittadini assopiti, anestetizzati, intontiti dagli evasori imbonitori o dai lecchini fiorentini. Pensateci e raccontatelo. A riveder le stelle!

P.S. se le persone citate in questo post volessero smentire l'accaduto la mia pagina è a loro disposizione
Visualizza altro
— con Adriàn Emilio Gazzaniga e Andrea Fadda.

domenica 15 settembre 2013

Pier Paolo Pasolini, il corriere della sera il 28 novembre 1975 scriveva...




<blockquote class="twitter-tweet"><p>Perché non fare una legge che fa decadere dalla loro carica i Parlamentari che perpetrano assenze in Parlamento continuate e ingiustificate?</p>&mdash; Martel*Alfredo  (@alfredo65686) <a href="https://twitter.com/alfredo65686/statuses/379160202567622657">September 15, 2013</a></blockquote>
<script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>

mercoledì 4 settembre 2013

SUPPLICA ALLA MADONNA DELLE GRAZIE, REGINA DI SANARICA

Vergine Maria, Madre di Dio e madre nostra, in questo giorno dedicato alla celebrazione dei tuoi trionfi, a te rivolgiamo la nostra umile preghiera.
Tu ti sei compiaciuta di eleggere Sanarica a cittadina privilegiata del tuo amore;
i tuoi figli, convenuti da ogni dove, si sono ritrovati nel tuo Santuario,
ove dispensi una pioggia di grazie, perché essi compiano sotto la tua guida
il pellegrinaggio terreno e raggiungano tutti la vita eterna.
In quest’ora densa di inquietudini per il mondo intero, noi eleviamo a te
la nostra fiduciosa supplica.
Il Padre celeste ti ha donata a noi perché tu ci abbia ad orientare nella fede,
perché ci porti a Gesù, perché possiamo formare una chiesa animata dalla santità, nella pienezza della vita cristiana e della perfezione nella carità.
Madonna delle Grazie, conserva l’innocenza dei nostri bambini.
Madonna Santa, guida i nostri giovani verso una fede cosciente e matura,
sappiano discernere il bene dal male, il vero dal falso, incontrino sul loro
cammino l’amore vero, scoprano la loro giusta vocazione nel mondo,
trovino tutti un lavoro sicuro e siano testimoni di generosità cristiana.
Madonna delle Grazie fa che le nostre famiglie vivano nell’unità e nella pace,
santifica e benedici il nostro lavoro quotidiano; dona ai nostri malati la grazia della rassegnazione cristiana: siano essi un altare ove si compia in ogni momento il sacrificio di Cristo Signore.
Accogli, Madre della Chiesa questa nostra supplica e aiutaci
con la tua potente intercessione .
Con Te, figlia e ancella del Padre, diremo di si alla volontà divina ogni giorno della nostra esistenza. Per mezzo di Te, sposa e tempio dello Spirito Santo,
diffonderemo gioia, fraternità e amore nel mondo.
O Maria, Tu che ti prendi cura dei tuoi figli pellegrinanti tra pericoli e affanni,
implora per la Chiesa, per le famiglie e per i popoli i doni dell’unione,
della solidarietà e della pace.
Guarda a noi qui presenti, accompagnaci nel cammino della vita e mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno, o clemente,
o pia o dolce Vergine Maria.
 

FINALITA'...

martedì 27 agosto 2013

<div id="fb-root"></div> <script>(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));</script>
<div class="fb-post" data-href="https://www.facebook.com/alfredo.martel2/posts/512675068824115"><div class="fb-xfbml-parse-ignore"><a href="https://www.facebook.com/alfredo.martel2/posts/512675068824115">post</a> by <a href="https://www.facebook.com/alfredo.martel2">Alfredo Martel</a>.</div></div>

lunedì 26 agosto 2013

My World: IL PDL AMMETTE LA VITTORIA DI GRILLO!

My World: IL PDL AMMETTE LA VITTORIA DI GRILLO!:   Ecco la dichiarazione che non ti aspetti. Arriva dal PDL. Il Movimento 5 Stelle, in caso di caduta del Governo, sarebbe legittimato a gove...

martedì 20 agosto 2013

http://youtu.be/AGpB295BrAc http://youtu.be/AGpB295BrAc

LA PURA E SACROSANTA VERITA'...

Leggo su Ansa la nota di Cicchitto che fa spallucce a Napolitano. Certo si aspettano un aiutino anche da lui per riabilitare il Berlusca. Ce lo stiamo chiedendo tutti come se ne uscirà ma che se ne uscirà è certo. Ed in fondo non c’è molto da stupirsi. Carcere non ne farà, forse i servizi sociali. Restano l’interdizione e l’incandidabilità.
Sull’interdizione, prima ci vuole la sentenza poi ci sarà il ricorso poi prenderanno tempo come hanno fatto con Dell’Utri ed intanto saranno passati due anni. Sull’incandidabilità ci sarà da riflettere ,a neanche tanto. Interpreteranno la Legge Severino in modo che sia inapplicabile per B. a costo di dire che gli scecchi volano e forse per un pomeriggio vedremo asini volteggiare nel cielo.

Detto questo basta pensare e preoccuparsi di questo uomo per il quale certo io come molti italiani proviamo un forte ribrezzo.

Ma basta perché lui senza la coorte di vili infami succhiasangue non sarebbe arrivato da nessuna parte. Ci sono molti italiani responsabili, troppi italiani responsabili.
Italiani che ad ogni livello, classe, organo, ente hanno scelta la via della corruzione a quella delle regole. Quella del guadagno facile a quella del decoro e della dignità.
Quella dell’adulazione e del tradimento a quella della fiducia e del rispetto.

Ci sono uomini politici che hanno fatto finta di osteggiarlo mentre lo aiutavano ed altri che avrebbe potuto osteggiarlo ma che poi alla fine hanno gettato la spugna, hanno svelato il loro prezzo, o avuto paura per i loro scheletri nell’armadio.

Così si è creato il sistema “Italia”, un sistema fondato sulla bugia ad ogni costo, sulla corruzione ad ogni costo, sulla falsa informazione ad ogni costo, su tecniche di adulazione/compromesso/compravendita/ricatto cui TUTTI e dico TUTTI gli attori della politica e della finanza non si sono mai potuti sottrare.

No signori no con questa gente non è possibile alcuna alleanza.
È un sistema marcio ed anche i giovani che sono entrati in Parlamento nel Pd e nel PDL sono “marciscenti”. Come credete siano entrati? Sulla scia della loro “prestanza civile”?…
Si all’inizio qualche dubbio l’ho avuto.
In quei mesi, quella della fiducia, quelli del presidente che volevamo e non è arrivato, ho avuto dei dubbi. Che forse con il PD poteva farsi qualcosa per sconfiggere il “grande male”. Erano dubbi legittimi ma presto dissolti sia dai consigli di chi in quel momento era più lucido di me (ossia i miei ottimi amici e colleghi deputati), sia dall’esperienza diretta.
Quell’esperienza per la quale sono certa che ciascuno di loro, corrotto o no, disonesto o no, sia comunque parte del sistema. Di un sistema marcio che può e deve essere rimosso.
Noi siamo qui per questo.

Spiace che ancora non tutti l’abbiano capito ma sta a noi spiegarlo senza stancarci mai.
Giulia Grillo – Portavoce M5S Camera

mercoledì 14 agosto 2013

sabato 10 agosto 2013

mercoledì 17 luglio 2013

Giarrusso (M5S): "Espulsione Shalabayeva, una vergogna del nostro paese"


Mario Michele Giarrusso (M5S) cita in aula il caso relativo al rimpatrio di Alma Shalabayeva e di sua figlia di 6 anni, sottolineando la violenza con cui si è svolta la vicenda, proprio nel giorno della ratifica del trattato di Istambul.
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/07/16/caso-kazako-m5s-alfano-non-sapeva-ministero-cialtrone-o-ministro-bugiardo/239833/

Caso kazako, M5S: “Alfano non sapeva? Ministero cialtrone o ministro bugiardo”

“E’ una situazione che dovrà essere ulteriormente chiarita e approfondita, sono fatti molto complessi e la chiarezza dovrà essere totale”. Luigi Zanda, capogruppo al Senato del Partito democratico, si mostra scettico sulla relazione fatta dal ministro Angelino Alfano al Senato. Sulla posizione del partito, in vista della mozione di sfiducia confermata ai nostri microfoni sia da Sel che dal M5S, afferma: “Domani il Pd al Senato farà un’assemblea per decidere la linea per la giornata di venerdì”. “Situazione oscura – per i 5 Stelle –  se è vero che Alfano non sapesse nulla i casi sono due: o siamo davanti ad un ministero cialtrone oppure se Alfano era informato ci troviamo davanti ad un ministro bugiardo”. Per il senatore Peppe De Cristofaro (Sel): “Anche se fosse vera la sua versione, alla quale non credo, anche in quel caso dovrebbe avere il buongusto di dimettersi: un ministro degli Interni sotto i cui occhi accadono fatti incredibili come questi, penso non sia degno di rappresentare l’Italia in una posizione così delicata”  di Manolo Lanaro
 

16 luglio 2013
DIRETTAMENTE DAL BLOG DI BEPPE GRILLO...

I PARTITI PRENDONO 91.354.339

EURO DI RIMBORSI ‪#‎RESTITUITELI‬
...
"Qui comincia la sciagura del Signor Bonaventura..."
Capitan Findus aveva annunciato la fine del finanziamento pubblico con toni trionfali e prime pagine dei giornali dedicate allo statista del Subbuteo. Aveva, da vero gggiovane amante delle tecnologie, inviato un tweet dal Consiglio dei ministri. La realtà è che i soldi, tanti soldi, i partiti continuano a prenderli. Incluso il pdmenoelle dell'ebetino di Firenze e del Nipote dello Zio.
Oggi, 15 luglio, il ministero dell'Economia e delle finanze ha predisposto il pagamento della somma di 91.354.339 euro della rata di "rimborsi elettorali" relativa all'anno 2013. Parte o tutti i soldi truffati ai cittadini ignorando il risultato di un referendum che aboliva i finanziamenti pubblici sono già stati spesi. La rata dei 91 milioni di euro serve anche per saldare anticipi bancari. Le banche non prestano un euro agli imprenditori, ma largheggiano da sempre con i partiti.
Il MoVimento 5 Stelle ha lasciato allo Stato i 42 milioni di euro di finanziamento pubblico, i partiti non hanno rinunciato neppure a un euro, ma non rinunciano mai a prenderci per il culo.

https://pbs.twimg.com/media/BPOhRNKCYAAh4o3.jpg:medium
Visualizza altro
DIRETTAMENTE DAL BLOG DI BEPPE GRILLO...

UUUUH! UNIPOL!

Nell'estate del 2012 sia Unipol che Fondiaria Sai hanno fatto un aumento di capitale enorme, di dimensioni spropositate. Successivamente agli aumenti di capitale, che hanno bruciato gli investimenti di centinaia di piccoli risparmiatori in pochi giorni, Unipol ha acquistato Fonsai.

Intervista a Marco Piazza e Max Bugani, consiglieri comunali M5S Bologna, e a Stefano.

Max Bugani: Vi vogliamo raccontare una situazione, una storia molto antipatica che si è venuta a creare nel luglio 2012, nel momento in cui Unipol ha acquistato la compagnia assicurativa Fondiaria SAI. Questa colossale operazione, descritta da esperti della finanza come un' operazione dalle tinte cupe, ha fatto perdere tantissimi capitali, in alcuni casi il 100%, investiti dai piccoli e medi azionisti, che ci stanno scrivendo in questi giorni chiedendo di dare voce a ciò che è accaduto.

Marco Piazza: Noi non sappiamo se questa sia un'operazione legale, ma sicuramente quando i cittadini perdono il 99.9% dei loro risparmi è fortemente immorale.

Stefano: Innanzitutto abbiamo assistito a un aumento di capitale, per ricapitalizzare la società in crisi, da parte di Fonsai, la preda dell'operazione Unipol, sproporzionato rispetto alla dimensione dell'azienda. La dimensione, già di per sé é la prima anomalia dell'operazione.

Marco Piazza: L'aumento di capitale è quell'operazione che viene fatta quando una società ha bisogno di soldi freschi. Incamera dei nuovi liquidi per fare operazioni o per ricapitalizzarsi.

Max Bugani: Persone che avevano 100, 200 azioni, ci stanno scrivendo persone che hanno perso 20.000, 30.000, 50.000 euro. Questa mattina ci ha scritto una persona che ha perso 200.000 euro. Nel momento in cui c'è stato l'aumento di capitale, hanno avuto il diritto di opzione ...

Stefano: Esatto. L'azione ante capitale valeva 45 euro. Poi ogni singola azione Fonsai è stata spezzata in due. E' rimasta un'azione ordinaria di un euro, e 44 euro sono stati spostati sul diritto di esercitare l'opzione sull'aumento di capitale. Questo diritto, che poi entra nel mercato e che va in contrattazione, ha subito un deterioramento in pochissimi giorni, si è praticamente azzerato. Questo azzeramento ha portato, per chi non ha venduto in tempo, l'azzeramento del capitale di questi piccoli azionisti.

Marco Piazza: Quando si fanno gli aumenti del capitale le azioni possono raddoppiare o triplicare. In questo caso è aumentato di 252 volte il numero di azioni. Quando c'è un aumento di capitale la torta viene divisa in più parti, quindi ci saranno più azionisti e il titolo normalmente cala. Se cala un po' quando si fa un aumento di capitale normale, pensate di quanto può calare il titolo con un aumento di capitale di dimensioni sproporzionate. Non so se ce ne sono stati mai di così rilevanti in passato, sicuramente per la finanza italiana è uno dei più alti. Il valore dell'azione è passato da 45 euro e un euro, è crollato.

Max Bugani: C'è un passaggio oscuro, che riguarda il crollo del titolo qualche giorno prima che ci fosse l'aumento del capitale. Ma noi non vogliamo ipotizzare l'insider trading.

Marco Piazza: No, ma gli investitori istituzionali sono stati veramente fortunati perché senza sapere niente hanno avuto la fortuna di vendere le loro quote proprio poco prima che venisse annunciato l'aumento di capitale e quindi sono riusciti a vendere a prezzo di mercato a un fondo di pensioni americano che ha acquistato il 2% del capitale totale. Ecco, sono stati proprio fortunati.

Stefano: In un mercato normale dove si sconta la diminuzione di valore in un aumento di capitale ci può stare che l'azionista si trovi in mano titoli del genere, sta nel gioco del mercato. Ma i piccoli risparmiatori che avevano in mano queste opzioni che è la stragrande maggioranza della quota di capitale che avevano nella vecchia azione ordinaria, hanno fatto fatica. Se non erano proprio impossibilitati, a poterlo vendere sul mercato. Il valore di questo diritto si è azzerato in un lasso di tempo brevissimo e sul mercato è rimasto un inoptato, cioè persone che non hanno aderito all'aumento di capitale, di quantità enorme e questo ha creato un danno di immagine alla società che si stava costruendo in quel momento. Se molti azionisti non sono disposti a mettere soldi nella nuova società sicuramente non è un bell'inizio.

Max Bugani: L'operazione è brutta, è poco chiara, ci teniamo a parlarne. Chiediamo alle associazioni dei consumatori, agli organi di controllo, a tutta la stampa di parlarne il più possibile. Non tanto per individuare i colpevoli, perché gli esperti che hanno parlato con noi ci hanno dipinto un quadro di legalità, però queste cose non devono accadere più. Tutti i cittadini devono essere sempre informati di modo che davanti a future operazioni del genere effettuate da altre compagnie sappiano come comportarsi. Qui stiamo parlando di milioni e milioni di euro bruciati di famiglie che magari avevano in queste azioni tutti i loro risparmi. E questo è molto triste.
http://youtu.be/ZWl4ChZ4pVE

domenica 14 luglio 2013

Io ho una visione del mondo. Dipende da quello che mi hanno detto da piccolo, che è rimasto mio malgrado nella memoria e che ha influenzato quello che ho poi vissuto. Allo stesso modo anche tu hai una visione del mondo. Io posso discutere con te, oppure posso torturarti, posso minacciarti in modo che tu dica di condividere la mia visione del mondo. Ma anche se fingerai di condividerla, tu manterrai la tua visione del mondo. Potresti fare la stessa cosa con me, oppure potremmo avere una illuminazione, una conversione, noi la vedremo così, ma non sarà che qualcosa che si annidava da qualche parte nel nostro cervello e che aspettava il momento buono per saltar fuori.
Tuttavia resta il fatto che le nostre sono solo due visioni del mondo, due tra i miliardi di visioni possibili che, messe tutte insieme, non riusciranno mai ad essere il mondo. Non possiamo cambiare il mondo, ma una cosa possiamo farla: cercare di capire quanto siamo ridicoli ogni volta che pensiamo di avere ragione.
Mi permetto di fare osservare che a parte i miliardi di visioni che si possono riscontrare, per cui indubbiamente ognuno dal suo punto di vista, per quanto lo accompagnino le forze in tutti i sensi soprattutto quelle economiche, cerca di imporre la propria visione del Mondo o della società in genere. Proprio qui nasce la contraddizione che porta ad un sacco di sfaceli poiché, per farla breve e di casa, in Italia ad esempio: non è che faccia male più Berlusconi di quanto non lo faccia il Berlusconismo...anzi, se vogliamo, dal punto di vista che ognuno a casa propria può fare quello che vuole, atteso che non rappresenti le Istituzioni e così purtroppo non è stato, Berlusconi non avrebbe fatto per niente male. Il problema nasce, quando si vuole affermare la propria visione del mondo, dalla posizione in cui si è ritrovato Berlusconi e non sappiamo o non ci è dato di conoscere come abbia fatto, tralasciando che la visione dei poveri disgraziati o degl...i ultimi della società, a parte una più o meno certa quantità d'invidia, è molto differente e di gran lunga diversa in quanto imperniata in un'ottica di uguaglianza, giustizia sociale, amore per il prossimo, affermazione dei propri diritti sempre più spesso calpestati. Allora, siccome ormai è risaputo che chi è disonesto si impone e si afferma molto più facilmente di chi è onesto, i falsi modelli da seguire e a cui ispirarsi sono proprio quelli che di solito producono più danni e sono pericolosi per l'intera società ai quali noi solitamente ci ispiriamo o da questi ci facciamo plagiare. Ciò detto, condivido appieno insieme a Te, NATALINO, che non possiamo cambiare il mondo ma, senza la pretesa di avere ragione, una cosa possiamo farla subito: " Cambiare noi stessi e il nostro modo di pensare", evitando di stare dietro a questi distruttori della società, boicottandoli in tutto e per tutto tenendo sempre bene a mente, come si dice dalle mie parti che: "U binchiatu nu cride u disciunu", ossia chi è sazio non capisce e mai potrà capire chi: muore di fame. Ecco come si hanno le diverse visioni del Mondo, a seconda se lo stomaco è pieno, o è vuoto.Visualizza altro
 

Andrea Colletti: ILVA e unica opposizione in Parlamento


giovedì 20 giugno 2013

mercoledì 5 giugno 2013

Purtroppo anche i bimbi a volte hanno bisogno della bimbiambulanza. Speriamo mai! — presso Ospedale Vito Fazzi.

venerdì 31 maggio 2013

Il Generale che attacca il sistema ASCOLTARE E RIFLETTERE !!! Popolo sv...

https://www.youtube.com/watch?v=k_14UVYtqME

sanarica: LA STORIA DEL LAGO, di San Vito nel feudo DI SANAR...

sanarica: LA STORIA DEL LAGO, di San Vito nel feudo DI SANAR...: LA STORIA DEL LAGO, di San Vito nel feudo DI SANARICA.............,CHE NON C'E'! da Alfredo Martel ( Note ) Merco...

LA STORIA DEL LAGO, di San Vito nel feudo DI SANARICA.............,CHE NON C'E'!

da Alfredo Martel (Note) Mercoledì 29 maggio 2013 alle ore 12.06
Poco distante dal centro abitato di Sanarica, da moltissimi anni e cioè da quando io come tanti miei coetanei eravamo bambini, esiste un'antica cava di tufo. Questa, per esaurimento della sua materia prima poiché affiorava l'acqua così chiamata  "sorgiva" negli anni in cui la siccità non la faceva da padrone, è rimasta così com'era stata scavata. Una buca a cielo aperto immensa e capiente, non si è mai prodigati o preoccupati di appianarla nuovamente con materiale compatibile di varia natura, proprio appunto per la sua infinita grandezza. A dire il vero, il suo emerito proprietario Palumbo ( che ha costruito chilometri di strade nel nostro Salento e non solo) anni addietro per mettersi in regola con le leggi in merito alle cave dismesse, fece scaricare migliaia di camionate di terra, per riqualificare, appunto come imposto dalla legge, il sito.
Questo fatto, insieme alla grande quantità d'acqua là sotto versata, in quanto da poco recapito finale di acque piovane provenienti dal centro abitato, ha contribuito a far crescere l'erba verde e rigogliosa così come la si osserva adesso; altrimenti non vi sarebbe nemmeno quella, come di fatto, è stato per moltissimi anni.
La cava vista dall'alto.

Vista della cava dalla strada Comunale Sanarica-Poggiardo Anno 2010

Ricordo che quando eravamo bambini, vale a dire quarant'anni or sono, quando appunto le annate erano più piovose di oggi, durante la fine del mese di Maggio e gli inizi del mese di Giugno, ci recavamo "sotto la cava" per vedere, i più grandi di noi che si dilettavano a fare cross con le moto sulle dune di tufo rimaste e noi a sguazzare nell'acqua di quelle poche pozzanghere rimaste in seguito alla stagione invernale, appena trascorsa.
Da allora e fino a pochi mesi fa, da quando cioè l'Amministrazione Comunale in collaborazione con l'Ufficio Tecnico del Comune ha ottemperato di fatto a creare, in un primo momento il racapito finale di acque piovane ed in seguito un progetto atto a riqualificare il sito, in qualità di cava dismessa, espropiandolo di fatto, al suo leggittimo proprietario, nessuno aveva osato posare gli occhi o il proprio interesse relativamente a quell'immensa buca.
Solo adesso si riscopre tanto interesse: chissà perché???
Stiamo cronologicamente ai fatti:
GIUGNO 2009
 S'insedia, a seguito di nuove elezioni, dopo l'amministrazione di un Commissario Prefettizio, la nuova Amministrazione con il futuro Sindaco:
http://www.comune.sanarica.le.it/organi_istituzionali/consiglio.php

IL SINDACO DI SANARICA

Da subito, uno dei tanti proplemi che la nuova Amministrazione appena insediatasi, deve affrontare è questo:
http://youtu.be/Y0RaDz70bdI          (filmato di allagamento di Sanarica in seguito ad un'acquazzone)
Si pensa allora di risolvere il problema in questo modo:
http://youtu.be/GngBzbltHZs          (filmato dei luoghi, in paese, oggetto di allagamenti)
Vasche di decantazione e pompaggio, acque piovane.

Sversando con delle potenti pompe, le acque che vengono raccolte nelle vasche di decantazione, nella cava distante un chilometro a ridosso della strada che conduce a Poggiardo. Il risultato di tale operazione, oggetto di quanti sono o si definiscono ambientalisti o animalisti è il tanto discusso "Lago di Sanarica":
1°)
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10200908586426982&set=a.1888805429917.111969.1534895340&type=1&theater
2°)
  https://www.facebook.com/media/set/?set=a.468251849920480.1073741828.100002070085222&type=3
Contestualmente al progetto delle "Vasche di decantazione e pompaggio delle acque piovane", l'Ufficio Tecnico del Comune di Sanarica fa redigere per quella cava un progetto che se approvato, darà luogo ad un meraviglioso ed incantevole posto come questo:
 
Progetto di riqualificazione cava (ex Palumbo)

La Regione Puglia approva il progetto presentato dal comune di Sanarica, come dimostrato in questa graduatoria finale:




Attualmente, al netto di tutte le personali valutazioni di ognuno e nel rispetto di tutti gli ambientalisti e animalisti la cava si presenta in questo stato:


FOTO DELLA CAVA DEL 27.05.2013
https://www.facebook.com/notes/alfredo-martel/la-storia-del-lago-di-san-vito-nel-feudo-di-sanaricache-non-ce/462312807193675